Michelangelo Buonarroti

AL BRITISH MUSEUM

Una caricatura di Michelangelo nascosta in un disegno.
Dopo la scoperta di simboli pagani nelle Cappelle Medicee a firenze, spunta la sagoma di un uomo intento a dipingere nelle pieghe dell’abito di Vittoria Colonna. Secondo gli studiosi potrebbe essere la «firma» nascosta dell’artista
Michelangelo potrebbe aver nascosto una sua caricatura nel ritratto dell’amica e poetessa Vittoria Colonna, eseguito nel 1525 e oggi conservato al British Museum di Londra: è la piccola sagoma di un uomo intento a dipingere, quella che emerge osservando attentamente i tratti di penna che definiscono le pieghe dell’abito della nobildonna, all’altezza dell’addome. A indicarlo è lo studio pubblicato sulla rivista Clinical Anatomy da Deivis de Campos, dell’Università federale di Scienze della salute di Porto Alegre, in Brasile.

Il pittore
La piccola sagoma di Michelangelo, nascosta fra le pieghe dell’abito di Vittoria Colonna, appare simile all’autocaricatura che l’artista aveva tratteggiato nel 1509 a lato di un sonetto dedicato all’amico Giovanni da Pistoia: in quel primo schizzo, Michelangelo si era disegnato in posizione eretta, nell’atto di dipingere la Cappella Sistina, mentre nel ritratto di Vittoria Colonna si sarebbe disegnato col corpo piegato in avanti ad angolo acuto, come se fosse proprio quel Michelangelo in miniatura a dipingere l’intero ritratto.

Il mio personale plauso è indirizzato al noto professore di Porto Alegre in Brasile Devis de Campos per avere, con molta professionalità, confermato le mie ricerche in questa direzione, quanto da me scoperto e pubblicato da circa tre lustri.